Acido muriatico: usi

Quando si fanno le pulizie, tutti abbiamo un nemico comune: lo sporco ostinato. A volte possiamo starci anche ore su quella macchia con il nostro sgrassatore di fiducia, ma niente. In questo caso dobbiamo necessariamente utilizzare un rimedio un po’ aggressivo.

Una delle armi più potenti, che toglie lo sporco con estrema facilità, è l’acido muriatico. Tuttavia, trattandosi di un potente acido, molti ne sono intimoriti e preferiscono rimanere con la macchia piuttosto che rischiare. Scopri quali sono gli usi dell’acido muriatico per risolvere tutti i problemi di macchie ostinate in base al tuo pavimento.

Acido muriatico per uso domestico

Chiariamo innanzitutto gli usi specifici dell’acido muriatico. Quest’ultimo viene usato molto spesso per la pulizia del bagno, per togliere il calcare dai sanitari, disincrostare i tubi e eliminare i residui di stucco. Viene infatti utilizzato di continuo per igienizzare i pavimenti di tutta la casa dopo interventi di muratura.

È bene sottolineare che l’uso dell’acido muriatico è consigliato solo ogni 3 mesi e non per le pulizie quotidiane. Essendo molto potente, potrebbe danneggiare i pavimenti se usato a lungo termine. Si ritiene opportuno alternarlo con i comuni sgrassatori. Non va mai utilizzato su materiali calcarei, come il marmo e il travertino.

Vediamo come utilizzarlo: prima di tutto bisogna proteggersi. È bene indossare sempre guanti alti, occhiali specifici che coprano occhi e contorno occhi e una mascherina per evitare di respirarne i fumi. Quando lo si sparge, bisogna tenersi il più possibile lontani, nel caso in cui vi arrivassero degli schizzi.

Esso, inoltre, va sempre diluito con l’acqua (mettere sempre l’acido muriatico nell’acqua e non viceversa) e non va mescolato con altre sostanze, come la candeggina.

Vedi anche  Sgrassare pavimento: tutti i nostri consigli professionali

Acido muriatico sui pavimenti

Particolarmente indicato per i lavaggi dopo la posa del pavimento: l’acido muriatico aiuta moltissimo a rimuovere tutte quelle tracce di cantiere, come malta, cemento e residui vari.

Dobbiamo però utilizzarlo il meno possibile, e solo in occasione di pulizie straordinarie, perché l’acido muriatico tamponato è particolarmente corrosivo e potrebbe danneggiare i nostri pavimenti.

Alterniamo quindi l’utilizzo dell’acido muriatico a quello di un detersivo neutro per il pavimento in gres porcellanato o specifico per pavimenti più pregiati, come marmo o cotto.

Acido muriatico su gres porcellanato
Utilizza l'acido muriatico sul gres porcellanato appena dopo la posa per rimuovere tutte le tracce del cantiere

Pulire il marmo con l’acido muriatico può essere utile ma rischioso: infatti è probabile che l’acido muriatico renda la superficie più ruvida e porosa, rischiando di aumentarne la porosità e quindi il rischio di macchie ostinate.

Pulire il cotto con l’acido muriatico può portare numerosi vantaggi se lo utilizziamo diluito e lo risciacquiamo al massimo dopo dieci minuti. Molto utile per le macchie ostinate e le incrostazioni.

Contattaci gratuitamente

Chiudi il menu
Email
Chiama